Covid sicurezza della climatizzazione

 

Il Ministero della Salute ha emanato una circolare in merito alla sicurezza della climatizzazione in rapporto al Covid-19. In questa circolare viene sostenuto che i condizionatori in buono stato di manutenzione e con filtri efficienti non sono fonte di contagio. Il Ministero ribadisce la necessità comunque di ventilare i locali, togliere il ricircolo (per i canalizzati) e la pulizia  ogni 4 settimane. L’ istituzione superiore della Sanità ha modificato la propria guida in cui indica i campi di temperatura e umidità ideali, i quali devono stare tra 24°, 25° e il 50% di umidità. Dove possibile ribadisce la necessità dell’eliminazione del ricircolo d’aria.

E’ importante attenersi a queste semplici e allo stesso tempo fondamentali linee guida per la nostra salute collettiva. 

 

Covid sicurezza della climatizzazione,  un estratto dalla circolare: 

 

“…Negli edifici dotati di impianti di riscaldamento/raffrescamento con apparecchi terminali locali (es. unità interne tipo fancoil) il cui funzionamento e regolazione della velocità possono essere centralizzati oppure governati dai lavoratori che occupano l’ambiente, si consiglia, a seguito della riorganizzazione “anti-contagio”, di mantenere in funzione l’impianto in modo continuo a prescindere dal numero di lavoratori presenti in ogni ambiente o stanza, mantenendo chiusi gli accessi (porte)…”

In conclusione consigliamo di leggere il seguente documento e di utilizzarli verso i clienti in risposta alle loro preoccupazioni.

e di consultare il sito governativo per ulteriori chiarimenti

rapporto covid clima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.